gen 8
2013

Ecumenismo

Dal libro Esoterismo Monastico pag. 177/178

“Ho conosciuto i due mondi; per dieci anni sono stato frate Cattolico, e ho amato gli ideali Indo-Buddhisti forse per altrettanto tempo, ed ora so che cosa c’è di valido in entrambi. Ho cominciato come frate Cattolico, poi mi si risvegliò la coscienza della mia razza e mi abbracciarono le amorose braccia di Madre India, della sua cultura, delle tradizioni, e quelle del Buddhismo, il figlio dell’India, che ha conquistato il mondo. Allora i preti mi hanno accusato di adulterio, perché avevo negletto il mio Ordine Domenicano per vivere in amore con l’Ordine dei monaci della Missione di Ramakrishna, con la società Mahabodhi dell’India, con gli Arya Samagisti, con i Teosofi ecc. Ormai sto andando verso i quaranta, e comincia in me un senso di realismo e di obbiettività. Mi sento di nuovo attratto verso la mia Madre antica, la Chiesa Cattolica, e verso gli ideali dell’Ordine Domenicano, il mio Primo Amore. E mi sento anche fedele a ciò che nel mondo Indo-Buddhista c’è di perenne ed immortale. Desidero dedicare la mia vita a sposare la Cristianità con il mondo Indo-Buddhista, l’Occidente Cristiano con l’Ordine dei Veda e del Dhammapada, perché io sono figlio dei due, e li amo entrambi.”

Padre Anthony Elenjimittam

Scrivi un Commento

You must be autenticato come per scrivere un commento